Crea sito

Financiers al cioccolato profumati al cardamomo

Facebooktwitterpinteresttumblr

Una tipica storia sui finanzieri… finanzieri?!?

Ma no, non quelli in giacca e cravatta ma piuttosto dei prelibati dolcetti francesi in origine di forma ovale (chiamati ” Visitandines “) venivano preparati dalle suore dell’Ordine della Visitazione di Santa Maria.

Tuttavia pare che gli svizzeri ne hanno riadattato la forma (e cambiato nome) rendendoli molto simili a dei lingotti d’oro dalla forma rettangolare.

Qui sotto potete ammirare in tutto il suo splendore un esemplare di stampo per financiers in silicone, nel caso qualcuno volesse adottarne uno (non si capisce granché ma è per darvi una vaga idea)!

31ZR4oOfijL

Ma torniamo ai financiers…

Più originale un’altra ipotesi che ci riporta nel 1980.

Un pasticciere francese di nome Lasne che possedeva un’attività vicino alla Borsa di Parigi aveva deciso di far riacquistare popolarità a questi piccoli dolcetti, modificandoli un pò per permettere alla sua clientela (soprattutto di finanzieri) di mangiare qualcosa di sfizioso, agevolmente e senza sporcarsi… e  perché scelse proprio la forma di un lingotto.

Rigorosamente preparati con farina di mandorle (che alla fin fine sono mandorle ridotte in polvere!!), essenza di mandorle, profumo di mandorle, l’albero di mandorlo… ops scusate, con gli ultimi due ho iniziato a prenderci un pò troppo la mano.

Insomma, se non fosse chiaro mandorle come se non ci fosse un domani!

Ma a parte gli scherzi un’altro elemento importante è il ” beurre noisette ” ovvero del burro che sprigiona un profumo ” nocciolato ” (quella che vi propongo per ora è un’alternativa semplificata), seguito ovviamente da albumi (per smaltire questi pallidi che si accumulano così spesso) e zucchero a velo per mantenerli soffici come nuvole.

Ed ecco a voi una dolce rivisitazione.

 

pizap.com14384421701981

 

INGREDIENTI (PER CIRCA 12 – 15 FINANCIERS):

  • 160 gr di farina di mandorle
  • 40 gr di farina 00
  • 2 albumi
  • 60 gr di zucchero a velo
  • 100 gr di cioccolato fondente
  • 60 gr di cioccolato al latte
  • 50 di burro
  • 5 semi di cardamomo verde
  • 160 ml di panna per dolci zuccherata
  • 1/2 cucchiaino scarso di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale

PREPARAZIONE:

Estraete i semi di cardamomo dal guscio e riduceteli in polvere con un mortaio e l’apposito pestello (o mettendoli in un foglio di carta forno piegato a metà e con l’aiuto di un mattarello).

Poneteli in un pentolino con la panna e ponete il tutto sul fuoco a fiamma dolce.

Non appena inizierà a sobbollire, togliete dal fuoco ed aggiungete il cioccolato tritato, mescolate con una frusta per scioglierlo bene ed evitare che si formino grumi.

In un altro pentolino sciogliete il burro e non appena risulterà completamente fuso, lasciatelo ancora sul fuoco finché non sentirete una lieve fraganza di nocciola.

Spegnete il fuoco e versatelo sul composto di panna e cioccolatelo, amalgamate e lasciate intiepidire.

Nel frattempo setacciate le farine, lo zucchero a velo, il lievito ed il sale.

Una volta raffreddato unite gli albumi all’impasto liquido sempre mescolando ed infine versate un pò per volta gli ingredienti secchi (quindi farina, zucchero, ecc.).

Distribuite nello stampo in silicone l’impasto e riponete il tutto in forno a 180° per circa 20 – 25 minuti.

Una volta pronti lasciate raffreddare completamente prima di estrarre i financier dallo stampo.

PS: è tipica di questi dolci la consistenza umida perciò non preoccupatevi se all’interno vi risulteranno così.

Facebooktwitterpinteresttumblr