Crea sito

Latte di riso fatto in casa

Facebooktwitterpinteresttumblr

Nell’ormai famosissima (se vogliamo esagerare) rubrica dedicata al “fai da te” in cucina, oggi ci concentriamo sull’autoproduzione del latte di riso.

Ideale per chi ha un’intolleranza al lattosio e indiscutibilmente green, poche calorie, ricco di fibre e zuccheri semplici, facile da digerire.

Sa essere anche un alleato per gli sportivi che necessitano di energia in modo sano.

Fatto il punto della situazione, esistono due modi per prepararlo.

Le ho sperimentate entrambe per potervi dire di più a riguardo.

Il primo metodo consiste nel mettere in pentola il riso con l’acqua e prolungare la cottura di 10 – 15 minuti rispetto ai tempi di cottura indicati sulla confezione.

Tuttavia per quanto il latte non abbia un cattivo sapore continuerà a predominare solo quello del riso.

Il secondo invece si avvicina di più a quello che potete acquistare in commercio e il sapore è molto delicato (tenendo in considerazione che non potrà mai essere fedele all’originale poiché in quelli confezionati sono presenti degli enzimi).

Prima di passare alla ricetta vera e propria, ecco una piccola guida per l’uso.

Tipo di riso – Il basmati per preparazioni dolci mentre quello integrale (se possibile bio) per quelle salate.

Dolcificanti e/o aromi – Zucchero di canna, stevia, malto, miele, cacao amaro (2 cucchiai), cannella, vaniglia o mandorle (in questo caso lasciatene qualcuno in ammollo nell’acqua con il riso per tutta la notte).

Per la versione salata – Sale, pepe e/o noce moscata (ottimo per la besciamella vegana) o spezie a piacere.

INGREDIENTI (PER 2 PERSONE)

  • 50 gr di riso basmati (o integrale)
  • 500 ml di acqua
  • 2 cucchiaini di olio di girasole spremuto a freddo (facoltativo)
  • un pizzico di sale
  • dolcificante e/o aroma a piacere (v. sopra)

PREPARAZIONE

Sciacquate il riso fino a eliminare tutto l’amido (lo capirete subito perché l’acqua torna limpida e trasparente).

Versate l’acqua in una casseruola, ponetela sul fuoco a fiamma media.

Portate a ebollizione quindi aggiungete il riso, l’olio e il sale.

Lasciate cuocere per circa 2 ore, mescolando di tanto in tanto (fino a quando non inizierete a sciogliervi come un ghiacciolo).

Trascorso questo tempo il riso avrà assorbito tutta l’acqua e sarà “cresciuto”.

Togliete la pentola dal fornello e lasciate raffreddare il riso coperto con un canovaccio per una mezz’oretta.

Frullate bene il riso e filtratelo, ripetete nuovamente la stessa operazione.

Aggiungete il dolcificante e gli aromi a vostra scelta nel latte.

Riponetelo in frigo e consumatelo entro 2 – 3 giorni.

Facebooktwitterpinteresttumblr