Crea sito

Pane al grano germinato – La ricetta del riciclo

Facebooktwitterpinteresttumblr

Qualche giorno fa ho aperto il frigo e qualcosa ha attirato la mia attenzione: un carciofo solitario, il grano cotto avanzato dalla pastiera napoletana e un pezzettino di ricotta al forno.

Non tanto gli ultimi due quanto il carciofo mi osservava con aria triste e sperduta.

Dunque che fare.

Una minestra? Una frittata? Del pane?

Si, proprio quello.

In cucina nulla si butta (nei limiti consentiti dalla decomposizione), tutto si ricicla.

Nasce così questa semplice ricetta, lievemente modificata e arricchita con qualche altro ingrediente di fortuna.

Eh, niente.

Questa era solo una breve storia triste prima di mettersi a lavoro. :mrgreen:

PS: perdonatemi la pessima qualità della foto, la fretta e il buio della sera sono cattive compagnie.

INGREDIENTI (PER 4 PERSONE)

  • 350 gr di farina manitoba*
  • 200 gr di frumento in chicchi (o di grano cotto)
  • 7 gr di lievito di birra fresco (o liofilizzato)
  • 75 ml di acqua + 160 ml per la biga
  • 10 gr di sale

*Io ho utilizzato una farina con il 13% di proteine.

PREPARAZIONE

Immergete in acqua tiepida il frumento e lasciatelo in ammollo per una notte.

Scolate i cereali e macinatelo grossolanamente con una forchetta.

Se invece utilizzate il grano già cotto mettetelo in uno scolapasta ad asciugare per un’intera giornata.

Setacciate la farina, aggiungete 3 gr di lievito sciolti in 160 ml di acqua e lavorate il composto per 5 minuti.

Riponete la biga in un contenitore, copritelo con della pellicola e lasciatela lievitare per 8/10 ore in un luogo asciutto.

Passate queste ore sciogliete i 4 gr di lievito rimasti in 75 ml di acqua fredda o 30 ml se utilizzate il grano cotto.

Riunite in un sol colpo il lievito sciolto, la biga e il grano (nel mio caso anche il cuore del carciofo solitario e 50 gr circa di ricotta infornata).

Iniziate a impastare e dopo qualche minuto aggiungete il sale.

Lavorate il tutto per una decina di minuti quindi rimettete a lievitare la pasta per un paio d’ore.

Scaldate il forno a 220°, vaporizzatelo con un po’ d’acqua.

Praticate dei tagli sul pane con una lametta o con un coltello affilato e infornatelo per 10 minuti.

Poi abbassate la temperatura a 200° e continuate la cottura per altri 20 minuti.

Una volta pronto sfornatelo e lasciatelo intiepidire su una gratella prima di consumarlo.

Facebooktwitterpinteresttumblr