Crea sito

Pane alle carote con noci e semi di girasole

Facebooktwitterpinteresttumblr

La domanda sorge spontanea.

Cos’è quel piccolo “cordoncino” bianco che scivola via ogni volta insieme al tuorlo d’uovo?

Signore e signori, vi presento la Chalaza.

Ma che è… si mangia?!

In effetti si!  😆

Nello specifico sono delle proteine che connettono il guscio dell’uovo al tuorlo e, se ci fate caso, quando dividete i tuorli dagli albumi si nota in maniera più chiara.

Mantiene così il rosso d’uovo ben stabile al centro, come una sorta di ancora.

La presenza della Chalaza indica, inoltre, che le uova sono fresche. In caso contrario risultano essere un po’ stantie. 

Oggi sono stata breve perché c’è un lievitato (trovato su Pane, burro e alici e leggermente modificato) che ci aspetta!

INGREDIENTI (PER 6 PERSONE)

  • 180 gr di farina manitoba
  • 100 gr di farina 0
  • 100 gr di farina integrale
  • 5 gr di lievito di birra in polvere
  • 200 gr di carote (circa 3)
  • 100 ml di acqua
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1 cucchiaino di malto d’orzo (o miele)
  • 6 gr di sale
  • 50 gr di noci sgusciate
  • 50 gr di semi di girasole

PREPARAZIONE

Mondate e lavate le carote, tagliatele a rondelle quindi lessatele per 15 – 20 minuti in acqua bollente salata.

Una volta cotte mettetele in uno scolapasta per eliminare i liquidi in eccesso per una decina di minuti.

Nel frattempo setacciate le farine in una terrina, sciogliete il lievito insieme al malto nell’acqua, le carote precedentemente frullate, l’olio e iniziate a lavorare gli ingredienti.

Aggiungete il sale e dopo 5 minuti anche le noci e i semi di girasole.

Riponete l’impasto nel contenitore, copritelo con della pellicola e lasciatelo lievitare per almeno 3 ore.

Trascorso questo tempo riprendete l’impasto e praticate le pieghe del tipo 2, coprite a campana e lasciate riposare per 20 minuti.

A questo punto formate un filone o date al pane la forma che preferite e trasferitelo su una placca ricoperta di carta forno.

Accedete il forno e portatelo a una temperatura di 50°, fatelo scaldare per 3 minuti prima di spegnerlo e riporvi il pane per un’ora e mezza.

Infine spolverate il filone con un po’ di farina e praticate 3 incisioni trasversali con una lametta.

Scaldate il forno a 220° con un pentolino riempito d’acqua quindi infornate il pane per 10 minuti.

Poi abbassate la temperatura a 200° e proseguite la cottura per altri 15 minuti.

Aprite lo sportello del forno, portate la temperatura a 180° e lasciate fuoriuscire l’umidità per 10 minuti.

Sfornate il pane e lasciatelo raffreddare in verticale con la grata.

Facebooktwitterpinteresttumblr