Ispirazione

Facebooktwitterpinteresttumblr

Io e l’ispirazione abbiamo uno strano rapporto fatto di alti, bassi e molte buche in mezzo (anzi moltissime).

Ci sono periodi in cui ho la mente talmente logorroica da pigiare sui tasti come una saetta, quasi rischiando di mandare a fuoco la tastiera… manco fossi la reincarnazione scribacchina di Flash!

Ma ce ne sono anche molti altri.

Come quando non riesco a formulare nemmeno una frase o non riesco a farle venir fuori nel modo giusto.

Beh, attualmente è arrivata la modalità “bisogna riordinare le idee”.

D’altro canto se vi dicessi che l’incostanza e la necessità primordiale di dover fare tutto secondo il mio concetto di precisione fanno a pugni nel mio cervello, forse tutta questa pappardella potrebbe avere senso di esistere.

Gira e rigira mi perdo sempre nelle parole e non arrivo mai al punto. Lo so.

Ok, ci riprovo.

In sintesi: creare contenuti occupa un bel po’ di tempo.

Se voi vedete soltanto 8 – 10 post al giorno su Facebook o 5 – 6 articoli sul blog nell’arco di un mese, per chi c’è stato dietro, invece, si traduce in un cervello che fuma.

Bisogna anche considerare il fatto che non tutti lo fanno per lavoro e in mezzo ci sono: le magagne della vita quotidiana, la pagnotta da guadagnare, la manutenzione alla casa, lo svago e il sonno ristoratore che non porta mai il giusto consiglio.

“Nessuno ti ha chiesto niente”, replica qualcuno in lontananza.

Verissimo, ma provo lo stesso a fare il punto della situazione, così magari mi raccapezzo pure io stessa. 💪😁

Perciò ho deciso di assentarmi per occuparmi di tutte quelle cose pratiche e/o interattive che in parte ho messo in stand-by durante l’inverno.

Pensate che l’hard disk appoggiato  sul comodino mi guarda storto…!

Comunque sia non ho detto che sparisco completamente dalla “scena”, sarò solo una presenza meno presente. Tutto qui.

Detto questo ringrazio chi ha voglia di restare aggiornato su sproloqui e cose belle nel mondo, e auguro buona vita a tutti gli altri.

Alla prossima.

P.s. un giorno capirò perché le cose da dire suonano meglio soltanto finché ronzano in testa.

Facebooktwitterpinteresttumblr
Precedente La festa della donna e il comfort food Successivo A ciascuno il suo Ikigai