Crea sito

Sformatini di asparagi e fontina

Facebooktwitterpinteresttumblr

Fontina, nome curioso per un formaggio irresistibile.

Secondo alcune fonti l’etimologia è da ricondurre a una produzione casearia d’alpeggio chiamata Fontin, altri invece sostengono che si riferisca al villaggio di Fontinaz.

Esiste una terza ipotesi secondo cui deriverebbe dal francese antico “fontis” o “fondis”. Entrambe fanno riferimento alla capacità del formaggio di fondersi al contatto con il calore.

La prima rappresentazione della fontina risale al 1270, anche se ne troviamo traccia già a partire dal XV secolo, in un affresco presente all’interno del Castello di Issogne, in Valle D’aosta.

Successivamente, nel 1477, viene citata nella Summa Lacticinorum del medico vercellese Pantaleone di Confienza.

La prima classificazione risale al 1887 ne Le Fontine di Val d’Aosta,venendo inserita nell’annuario della Stazione Sperimentale del caseificio di Lodi.

Nel 1996 ottiene dalla Commissione dell’Unione Europea la Denominazione di Origine Protetta (D.O.P.).

Nel 2016 invece fa breccia nel cuore del quotidiano Wall Street Journal e si aggiudica un posto tra i 26 formaggi migliori al mondo.

Come accennato in precedenza, è un formaggio grasso a pasta semi-cotta di origine Valdostana, formato da una crosta dura, sottile e ambrata fuori, mentre all’interno si presenta morbida e fondente.

Il sapore è dolce, avvolgente e facilmente digeribile, se non l’avete mai assaggiato è il momento giusto per recuperare il tempo perduto!

INGREDIENTI (PER 4 PERSONE)

  • 10 – 12 asparagi
  • 2 uova
  • 40 ml di latte intero
  • 40 ml di panna da cucina
  • 2 cucchiai di farina senza glutine
  • 100 gr di fontina valdostana
  • 30 gr di parmigiano grattugiato + una manciata per lo spolvero
  • burro q.b.
  • sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE

Sciacquate gli asparagi e tagliateli a cubetti.

Scottateli in una pentola piena d’acqua salata per una decina di minuti.

Nel frattempo in una terrina mescolate le uova con un paio di cucchiai di parmigiano (presi dalla quantità totale); unite anche la fontina grattugiata, il latte, la panna, la farina setacciata e regolate di sale e pepe.

Imburrate e spolverate di parmigiano dei stampi monouso in alluminio o delle cocotte quindi riempiteli con il composto per ¾ della loro capienza.

Cuocete gli sformatini in forno caldo a 180° per 15 – 20 minuti.

Facebooktwitterpinteresttumblr