Crea sito

Simil Twinkies – Gli storici dolcetti americani

Facebooktwitterpinteresttumblr

Queste golose merendine hanno circa 82 anni di storia alle spalle.

Ammazza, viene da pensare, un cimelio della storia americana, quasi quasi incornicerei l’involucro!  :mrgreen:

Sciocchezze a parte, oggi parliamo un pò delle sue origini o almeno quelle che dovrebbero essere tali, come succede sul web c’è molta più fantasia che realtà a riguardo.

SONY DSC

Ci possiamo comodamente collocare nel 1930, anno in cui  James Alexander Dewar, un fornaio che lavorava per l’industria dolciaria Hostess Brands (o secondo un’altra fonte si trattava del vicepresidente), si accorse che i macchinari non venivano utilizzati quando terminava la stagione delle fragole.

Ebbene si, a detta del Wikipedia inglese inizialmente venivano farciti con della crema alle fragole.

Dal momento che bisogna mandare avanti la baracca, Dewar decide di sostituirle con le banane ma come ben sapete durante la seconda guerra mondiale le scorte di cibo erano piuttosto limitate e qui spunta fuori la vaniglia (il nesso non mi pare troppo logico ma se lo dicono loro! 😆 ).

Insomma queste merendine ebbero un enorme successo, talmente tanto che gli americani ne consumavano 500 milioni di pezzi all’anno!

Twinkies

Tortina spugnosa dal cuore ripieno “, veniva descritta così ed in effetti l’aspetto invitante nonostante se ne sono sentite di belle a riguardo.

Circolava la voce secondo cui i Twinkies erano immuni al processo di deterioramento che di norma segna le sorti di qualunque alimento. Insomma potevate lasciarla lì, nello scaffale della cucina per anni e ritrovarla in perfette condizioni.  😆

Ovviamente questa è una gigantesca, seppur molto creativa, bufala!

Purtroppo la sorte non è dalla parte della Hostess Brands poiché nel 2012 è costretta a dichiarare bancarotta e chiudere i battenti.

” Avete sentito che quelli che fabbricano i Twinkies sono falliti dopo 82 anni. Hostess. Fine dei Twinkies. Sembra ridicolo, ma è tristissimo. Era un’istituzione con 82 anni di storia e fallisce per colpa delle stronzate di questo governo. E ciò significa che 18.000 persone in più saranno disoccupate e voi dovrete pagare per mantenerle. Non è giusto. Una cosa che accadrebbe, se io fossi presidente, è che vi tratterei come se foste me “.

Un’aspra critica partita da Dave Mustaine, leader dei Megadeth, durante un’esibizione. 

Quasi commovente la reazione degli innumerevoli ” fan ” che si sono addirittura lanciati in una petizione indirizzata al presidente Obama per << salvare la nostra nazione dalla perdita del suo dolce cuore cremoso >>.

Sparite dal commercio, i più furbi hanno messo in vendita su Ebay gli ultimi esemplari chiedendo cifre piuttosto sostanziose.

Non a caso ci racconta Dissapore che una confezione da 10, all’epoca della triste notizia, era stata acquistata per 59,99 dollari contro un prezzo che prima oscillava tra i 3 ed i 4 dollari…

Si conclude qui un’avvincente storia (ironia portami via) per lasciare spazio alla sua ricetta… o meglio, qualcosa che si possa avvicinare ad essa.

Buona ” Twinkiettata “!  😉

 

Simil Twinkies - Gli storici dolcetti americani 02

 

INGREDIENTI (PER 4 PERSONE):

  • 200 gr di farina 00
  • 2 uova
  • 130 gr di zucchero
  • 100 gr di burro
  • 130 ml di latte
  • 3 cucchiaini di lievito per dolci
  • 1 bustina di vanillina
  • la punta di 1 cucchiaino di sale

PER LA CREMA:

  • 400 ml di latte intero
  • 80 gr di zucchero
  • 150 ml di panna fresca
  • 40 gr di amido di mais
  • 1 cucchiaino di miele millefiori
  • semi di 1 baccello di vaniglia

PREPARAZIONE:

Montate il burro a temperatura ambiente insieme allo zucchero con le fruste elettriche (a velocità massima) per almeno 3 minuti fino ad ottenere una crema liscia e densa.

Aggiungete un uovo e continuate a lavorare il composto per 1 minuto, procedete allo stesso modo con l’altro uovo.

Ora abbassate la velocità e unite un pò alla volta la farina, il sale e la vanillina alternandoli al latte.

Alla fine avete un impasto gonfio ed omogeneo.

Imburrate ed infarinate i pirottini per i mini plumcake (se avete gli stampi adatti per i Twinkies ancora meglio! :mrgreen: ).

Riempiteli fino a metà della loro capienza quindi infornate a 180° per circa 15 – 20 minuti.

Nel frattempo preparate la crema: in un tegame scaldate 300 ml di latte insieme allo zucchero ed i semi della vaniglia.

Mescolate con una frusta a fiamma dolce fino a sfiorare quasi il bollore.

Setacciate l’amido e versatevi il latte rimasto quindi sciogliete i grumi, ancora una volta con una frusta.

Aggiungeteli agli altri ingredienti sul fuoco insieme al miele e continuate la cottura finché la crema non si sarà addensata (basteranno pochi minuti), sempre mescolando.

Una volta pronta trasferitela in un contenitore e coprite con della pellicola per evitare che si formi la tanto odiata ” crosticina “.

Non appena si sarà raffreddata riponetela in frigo per almeno 1 oretta.

Passato questo tempo fate rinvenire la crema con uno sbattitore elettrico e tenete da parte.

Montate la panna, appena uscita dal frigo, quindi incorporatela dolcemente alla crema.

Infine incidete con un coltello i plumcake mignon ormai raffreddati, estraendo un rettangolino (non scavate troppo a fondo però!).

Riempite una sac à poche con la bocchetta a stella di crema e farciteli uno per uno.

Potete anche omettere questo passaggio ma io ho voluto decorarli con delle bricioline dei plumcake.  😉

Facebooktwitterpinteresttumblr